| English Deutsch Français
  • Home
  • La Storia di Framura

La Storia di Framura

Torre del campanile nella frazione di Costa

Con la sua caratteristica struttura aricolata in vari nuceli distribuiti sul territorio (le frazioni Anzo, Ravecca, Setta, Costa e Castagnola), Framura conserva ancora l’eco della sua origine risalente alle popolazioni liguri preromane, che occuparono la Liguria estendendo il proprio territorio dal Tirreno fino al Po.
Il principale nucleo dell’abitato di Framura si formò intorno all’antica chiesa di San Martino che, con San Siro di Ceula (Montale di Levanto) e Santa Maria di Pignone, fu una delle prime pievi altomedievali.
Le popolazioni dei Liguri furono travolte dai Romani che nel II° secolo a.C conquistarono le terre di Liguria, rendendone i porti floridissimi e costruendo numerose infrastrutture tra cui la Via Aurelia è l’esempio più significativo: degno di nota è il fatto che il tratto denominato “Aurelia Scauri” sia diventato poi in seguito uno dei tratti più importanti della Via Francigena.
In seguito, La Liguria passò sotto la dominazione Bizantina e quindi Longobarda. Dell’epoca Bizantina, Framura conserva ancora le varie torri circolari che avevano funzione di avvistamento durante le offensive dei nemici (tra i più agguerriti i Normanni e i famigerati Saraceni).

I Signori Da Passano

Le vicende dei da Passano e del loro castello restano ancora oggi scolpite nella memoria degli abitanti di Castagnola in quanto frammenti di un Medioevo pittoresco fatto di agguati, colpi di scena, assedi e tradimenti. Del castello restano oggi solo rovine; ciononostante, nella zona in cui sorgeva il castello, si avverte ancora l’aura del Medioevo, che i ruderi di un oratorio dedicato a San Giovanni Battista e quelli di una residenza fortificata rendono ancora più suggestiva.

Il castello dei da Passano

1170: I Conti di Lavagna occupano il castello di Frascario e lo tolgono ai Signori di Passano. Dopo una lunga controversia, il castello torna al Comune di Genova.

1171: I Signori di Passano si impadroniscono del castello di Zerli. I Conti di Lavagna mettono l’assedio al Castello, che viene consegnato ai consoli di Genova, e da questi restituito ai Conti.

1172: Opizone Malaspina e suo figlio Muruel insieme ai Signori di Passano e Lavagna occupano Sestri e Chiavari. Genova chiede aiuto ai Marchesi di Monferrato, Gavi e Ponzano. L’esercito genovese occupa Cogorno ma l’inverno li sorprende e devono rimandare le operazioni fino a Pasqua.

1173: I Consoli di Genova organizzano una spedizione di 100 cavalieri a Moneglia per cacciare i Malaspina. In ottobre Opizone assedia Monleone, presso Cicagna. Genova corre in soccorso di Monleone. I Malaspina fuggono nella notte, ma le spese sostenute dai Genovesi esigono un’azione militare, per questo decidono di assediare il castello dei da Passano che viene messo a ferro e fuoco per ben 8 giorni. Si racconta che i da Passano siano fuggiti attraverso un cunicolo e abbiano trovato rifugio in una località sulle pendici del Bracco, ancora oggi chiamata Arcapascià (Arca di Passano).

Hotel Clelia, 3 Stelle a Deiva Marina

Hotel Clelia

Questo sito è stato realizzato dall'Hotel Clelia di Deiva Marina (Sp), con lo scopo di far conoscere meglio il territorio ligure di Framura.

Corso Italia 23,
19013, Deiva Marina (SP)

Per informazioni:

P.IVA 00289150112
Policy Privacy